Lo standard ISO 37001, basato sulla norma British Standard BS 10500, definisce i requisiti del Sistema di Gestione Anticorruzione, al fine di supportare le organizzazioni pubbliche, private o non governative di qualsiasi dimensione a prevenire il compimento di atti corruttivi da parte dei propri dipendenti e collaboratori o da qualunque soggetto agisca in suo nome e per favorire il diffondersi di una cultura aziendale basata sull’etica e sulle buone pratiche commerciali.

La ISO 37001 specifica le misure e i controlli anti corruzione adottabili da un organizzazione per monitorare le proprie attività aziendali al fine di prevenire la corruzione.
Rientrano tra questi la predisposizione di una politica anticorruzione, l’individuazione di un incaricato (oltre all’impegno del top management), la formazione a tutti gli interessati, la valutazione dei rischi specifici, la definizione di relative procedure, come ad esempio la regolamentazione di omaggi e regali, il monitoraggio dei fornitori e dei partner commerciali.

Dalla fine del 2016 è disponibile presso UNI la traduzione in lingua italiana della norma ISO 37001:2016 sui sistemi di gestione anti corruzione. Questa norma è strutturata secondo lo schema “HLS” High Level Structure comune a tutte le norme ISO (9001:2015, 14001:2015, etc.), con le quali è pienamente integrabile.